Secondo teaser per la serie tv dedicata a Dylan Dog

Torniamo a parlare dell’adattamento televisivo di Dylan Dog, il popolare personaggio della scuderia Bonelli, creato da Tiziano Sclavi.
La serie diretta da Kevin Kopacka e interpretata da Ford Everett (Dylan), Alberto Finadri, Denise Ankel (Morgana), Harry Baer (Ispettore Bloch) e Philipp Jablonski è attualmente in lavorazione. L’episodio pilota verrà rilasciato gratuitamente intorno ad aprile per una prima stagione che si comporrà di 6 episodi.

dylan-dog-1
Sulla pagina facebook del progetto è stato pubblicato il secondo trailer dello show.
Dato che i diritti d’autore di Dylan Dog si trovano ancora a Hollywood (dopo il pessimo film con Brandon Routh) alcuni nomi sono stati cambiati e Dylan Dog si chiamerà Dylan Dawn.
L’episodio pilota si intitolerà “Dream of the Living Dead” e vedrà come protagonisti, oltre a Dylan, Groucho, l’Ispettore Bloch, la signora Trelkovski, Jenkins, Morgana e Xabaras.

Dopo una lotta col marito Corrado, il mondo di Morgana sembra in qualche modo diverso, freddo, buio e marcio. Intrappolata tra realtà e incubo non ha altra scelta che ricorre all’Indagatore dell’Incubo Dylan Dawn. Ma riuscirà Dylan a salvarla dal suo destino o lei resterà prigioniera per sempre in un mondo di incubi?

L’episodio pilota è in post produzione, dovrebbe durare 40 minuti circa e uscire in aprile. In base alla reazione del pubblico dovrebbe avere la luce l’intera stagione composta da 6 episodi, non si sa ancora se in tv o sul web.

Annunci

Orfani – Terra: Dalla Cenere

Ormai la saga Orfani è diventato uno dei prodotti di punta della Sergio Bonelli Editore. Dopo 3 stagioni di dodici numeri e una breve di 3 dedicata alla cattiva Jsana Juric, arriva la quinta intitolata Terra che dovrebbe comporsi di 3 numeri.
La prima novità è l’esordio alla sceneggiatura di Emiliano Mammucari, mente grafica della collana, la seconda sono le copertine di Gipi per la prima volta alla prova su una collana da edicola. La copertina è molto bella, esprime bene la decandenza del mondo con in primo piano il protagonista dell’albo, Cain con la faccia imbronciata e molto stilizzata. L’illustrazione fa risaltare l’albo in edicola, davvero molto elegante.
I disegni sono di Alessio Avallone, anche lui molto bravo e ben oltre lo standard dei prodotti da edicola. Il tratto molto pulito e moderno è impreziosito dagli ottimi colori di Giovanna Niro. Insomma il prodotto migliora dal punto di vista della confezione di stagione in stagione.
Dal punto di vista della struttura grafica mi pare molto tradizionale con la solita griglia regolare a sei vignette, alcune volte unite per riga e con pochissime splash page però di grande effetto.
La storia si colloca tra la seconda e la terza stagione: lo spostamento dell’asse terrestre ha provocato il cambiamento climatico che rende alcune aree della terra invivibili, l’economia è collassata e la civiltà è ridotta a pochi nuclei urbani militarizzati circondati dalle badlands dove vivono i reietti. Chi ha avuto la possibilità è in fuga verso Nuovo Mondo, gli altri sono rimasti a guardare il declino del pianeta.
Il racconto del primo albo è incentrato su un gruppo di ragazzi che sono ridotti in schiavitù e costretti a recuperare rottami di qualche valore in cambio di una ciotola di cibo. Cain arriva per ultimo nel gruppo dopo aver visto morire il fratello Abe per mano di un furfante di nome Rubber. E’ irrequieto, indisciplinato e porta subito problemi all’interno del gruppo. Il suo scopo è quello di raggiungere la città luminosa protetta da un muro invalicabile con sensori che comandano mitragliatori automatici. Il suo colpo di coda costringerà il gruppo a una rapida scelta.
L’azione rocambolesca cede il passo a un racconto che parte dal basso, che mostra la parte debole della società che tenta di sopravvivere in qualsiasi modo con la speranza di raggiungere la salvezza. La buona sceneggiatura presenta in un albo tutti i personaggi della stagione con una buona agilità nei dialoghi e nei disegni, ottima la regia che fa terminare la storia con il colpo ad effetto. Bravi, Orfani non smette di stupire.

Dal 14 gennaio parte inoltre il tour promozionale che porterà gli autori di “Orfani: Terra” a incontrare il pubblico in sei fumetterie del paese

terra-tour

orfani_terra_dalla_cenere

Dylan Dog arriva in tv?

La serie Dylan Dog è forse l’icona del fumetto seriale made in Italy. Nel 2010 in USA è uscito quello che doveva essere un adattamento cinematografico del personaggio con il titolo “Dylan Dog: Dead of Night” e interpretato da Brandon Routh, quello di Superman Returns.
Il film ebbe uno scarso successo ma tante critiche soprattutto nel nostro paese perché poco rispettoso del personaggio e delle tematiche trattate. L’accoglienza molto fredda degli spettatori ha scoraggiato, per fortuna, lo sviluppo di un sequel.
Oggi, dopo quasi 7 anni dall’uscita di quello sciagurato film, si apprende dell’esistenza di una serie ispirata al celebre personaggio creato da Tiziano Sclavi. E’anche uscito un teaser per il pilot della serie. L’episodio pilota è diretto da Kevin Kopacka su script di Alex Bakshaev ed ha titolo “Dream of the Living Dead”.
Gli autori comunicano di aver terminato le riprese dell’episodio pilota e di essere in fase di post-produzione. L’episodio dovrebbe essere rilasciato a marzo 2017 e dovrebbe essere ispirato agli albi di Dylan “l’alba dei morti viventi” e “Morgana” oltre che ai classici del cinema horror italiano come Zombi, Dellamorte Dellamore e Burial Ground.
Non ci resta che aspettare con un pizzico di scetticismo

Monolith – Il film targato Bonelli

Dall’account facebook di Roberto Recchioni arriva il trailer di Monolith, il nuovo film di Ivan Silvestrini.

Il film, il cui teaser è stato presentato a Lucca Comics, ha avuto l’anteprima mondiale alla 17° edizione dell’Horror Channel FrightFest di Londra.
Il soggetto del film è di Roberto Recchioni e dallo stesso soggetto verrà pubblicata una omonima graphic novel di Bonelli, sceneggiata da Recchioni e Mauro Uzzeo e disegnata da Lorenzo Ceccotti.

monolith

Sandra è una ex star ritiratasi dalle scene in seguito alla nascita del figlio David.
In viaggio col figlio David sulla sua Monolith, l’ultimo ritrovato in termini di tecnologia automobilistica, rimane chiusa fuori dalla macchina con il figlio all’interno.
La Monolith è una macchina costruita per proteggere gli occupanti e può diventare un guscio impenetrabile. Sandra inizierà una corsa contro il tempo per salvare il suo bambino da una fortezza d’acciaio che sta per diventare un forno sotto il sole del deserto

https://www.facebook.com/plugins/video.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Froberto.recchioni%2Fvideos%2F10154090559422916%2F&show_text=0&width=560

Torna Tiziano Sclavi sul suo Dylan Dog

Nell’anno del trentennale e dopo 9 anni di assenza, Tiziano Sclavi torna a narrare le gesta del “suoDylan Dog.
Lo fa con “Dopo un lungo silenzio” presentato in contemporanea anche nelle librerie in una edizione speciale in grande formato e con molti contenuti aggiunti.
L’avventura vede Dylan affrontare un fantasma del suo passato, l’alcolismo. Ai disegni Giampiero Casertano