Jungle, la foresta secondo McLean

E’ appena uscito sulle piattaforme VOD Jungle, il film dell’australiano Greg McLean con Daniel Radcliffe. Il film, basato sul racconto dell’avventuriero israeliano Yossi Ghinsberg, narra la storia di 4 viaggiatori attraverso la foresta pluviale nel 1982.
Iniziato come un viaggio da sogno, presto la situazione degenera in un vero e proprio incubo. Radcliffe che impersona lo stesso Yossi, trascorrerà da solo nella foresta amazzonica tre settimane, prima di essere ritrovato dai soccorritori. Film di sopravvivenza e sull’oscurità dell’animo umano, è diretto da uno specialista di racconti turistici horror, essendo l’autore della saga Wolf Creek che dura ormai un decennio

Jungle-poster

Annunci

Prime immagini per Totem di Marcel Sarmiento

Molto atteso è il nuovo film di Marcel Sarmiento (Deadgirl, VHS Viral), considerato uno dei migliori talenti per il cinema horror. Totem è presentato da Blumhouse e HBO e il poster sara rilasciato la prossima settima.
Da una sceneggiatura di Evan Dickson, il film narra di un adolescente che deve ricorrere a misure estreme per proteggere la propria famiglia da un’entità soprannaturale.
Nel cast Kerris Dorsey, Ahna O’Reilly, James Tupper, Lia McHugh, Braceden Lemasters e Lawrenche Pressman.
Blumhouse e Cinemax rilascerenno il film su VOD, Cavo e Apps negli Usa il 31 ottobre; Blumhouse e HBO rilasceranno il film su VOD, Cavo, Apps a livello internazionale il 3 novembre.

Il gioco di Gerald arriva sul nostro Netflix

Approda anche su Netflix Italia il film Gerald’s Game di Mike Flanagan. Basato sul romanzo di suspence di Stephen King del 1992, Gerald’s Game è la storia di Jessie Burlingame (Carla Gugino), bella moglie di un avvocato di successo, che durante un weekend romantico viene sottoposta controvoglia a un gioco erotico da parte del marito Gerald (Bruce Greenwood). Ma durante il gioco, Gerald viene colpito da infarto lasciando Jessie ammanettata al letto senza possibilità di soccorso. Sola e impaurita, Jessie è preda di stanchezza e allucinazioni che la costringono ad affrontare i demoni che risiedono nel suo passato.
Interpretato da una grandissima Carla Gugino, The Gerald’s Game è il terzo adattamento di lavori di King dell’anno, dopo La Torre Nera e l’attesissimo IT. Da vedere assolutamente

Jaume Balaguero racconta il suo nuovo film

In un video intervista, Jaume Balaguero parla del suo nuovo film, Muse, un thriller soprannaturale basato sul romanzo Lady n° 13 di Jose Carlos Somoza con Christopher Lloyd, Joanne Whalley, Elliot Cowan, Franka Potente, Ana Ularu, Manuela Velles e Leonor Watling.

Dopo la morte tragica e inaspettata della sua ragazza, Samuel, un professore di letteratura, subisce un incubo ricorrente in cui una donna viene brutalmente uccisa da uno strano rituale. Quando la stessa donna che appare ogni notte nei suoi sogni viene trovata morta in circostanze identiche, Samuel si intrufola nella scena del crimine per indagare. Qui conosce Rachel, una giovane donna che non sa nulla, ma che afferma di aver sognato anche lei l’omicidio.
Insieme, faranno ogni sforzo per scoprire l’identità della donna misteriosa, immergergendosi in un mondo oscuro governato da muse che hanno ispirato i poeti di tutti i tempi.

muse-poster

Le prime immagini per Atomica

Syfy Films diffonde le prime immagini del thriller fantascientifico Atomica, nelle sale il 17 marzo 2017 e su piattaforme VOD il 21 marzo.
Il film è diretto da Dagen Merrill e vede nel cast Dominic Monaghan (Il Signore degli anelli, Lost, Pet), Tom Sizemore (Natural Born Killers, Salvate il soldato Ryan, Black Hawk Down) e Sarah Habel (Hostel: part III, USA Network’s Rush).

Quando le comunicazioni vanno offline in una centrale nucleare lontana e isolata nel deserto, un giovane ispettore di sicurezza, Abby Dixon, è costretto a volare per riportarli in linea. Una volta all’interno della struttura, indizi misteriosi e strani comportamenti portano Abby ad avere dubbi sulla sanità mentale e, forse, sulle identità dei due dipendenti in loco.

Primo Trailer per The Bad Batch

Arriva il 23 giugno l’ultimo film di Ana Lily Amirpour, autrice di A Girl Walks Home Alone At Night, intitolato The Bad Batch.
Nel deserto del Texas, tra una comunità di cannibali, ci saranno Suki Waterhouse, Jason Momoa, Giovanni Ribisi, Yolonda Ross, Keanu Reeves, Jim Carrey, Jayda Fink, Cory Roberts, Louie Lopez e Diego Luna.
Arlen (Suki Waterhouse) viene abbandonata nel deserto del Texas in un’area recintata fuori dalla società civile. Mentre cerca di orientarsi, viene catturata da una banda selvaggia di cannibali e si rende rapidamente conto che dovrà combattere per uscirne viva.
Mentre Arlen si adatta alla vita, scopre che essere buono o cattivo dipende solo da chi ti sta davanti

Personal Shopper – nuovo trailer

Da poche ore online il nuovo trailer di Personal Shopper. Il film di Olivier Assayas che vede protagonista una cresciuta Kristen Stewart dovrebbe uscire nelle sale il 10 marzo.
Insieme a Kristen, nel cast Lars Eidinger e Sigrid Bouaziz

Maureen (Kristen Stewart) è una americana a Parigi che lavora come personal shopper, cura il guardaroba di una celebrità. Ha recentemente perso il fratello il cui spirito sembra determinato a mettersi in contatto con lei infestando la sua casa.

Il film era stato presentato a Cannes sollevando fischi alla proiezione per la critica mentre alla proiezione per il pubblico è stato accolto da applausi scroscianti. In verità Kristen, sempre capace di attirarsi le critiche della stampa specializzata, appare cresciuta e convincente nelle poche scene del trailer. Vedremo

personal_shopper-poster

Nuovo trailer per Ghost in the Shell

In occasione del Super Bowl esce il nuovo trailer di “Ghost in the Shell”, il film di Rupert Sanders e interpretato da Scarlett Johansson. Dura solo 30 secondi ma da una idea dello spettacolo visivo del film.

Il film segue il Maggiore Motoko Kusanagi (Scarlett Johansson), un cyborg a capo della sezione di Sicurezza Pubblica numero 9, una organizzazione antiterrorismo cibernetico gestita dalla Hanka Robotics. La squadra si ritrova a dover affrontare un nuovo nemico pronto a tutto pur di sabotare la Hanka Robotics.

Scritto da Jonathan Herman e Jamie Moss, è l’adattamento cinematografico dell’omonimo manga del 1989 di Masamune Shirow. Fanno parte del cast Scarlett Johansson, Pilou Asbæk, Takeshi Kitano, Juliette Binoche e Michael Pitt.

Ghost in the Shell verrà distribuito il 30 marzo 2017 in Italia e il 31 marzo 2017 negli Stati Uniti, anche in 3D e IMAX 3D.

The Chamber – thriller claustrofobico

The Chamber, claustrofobico thriller di sopravvivenza, è il primo lungometraggio di Ben Parker, prodotto da Jen Handorf, Paul Higgins e Hugh Spearing e interpretato da Johannes Bah Kuhnke e Charlotte Salt (the Muskateers)
Il pilota di una piccola imbarcazione sommergibile e tre uomini di una squadra speciale in una missione di recupero, restano intrappolate sott’acqua in una lotta per la sopravvivenza.
Esordirà nelle sale inglesi il 10 marzo mentre DVD, Blu-Ray e copia digitale per lo streaming arriverano dopo il 20 di marzo.

the-chamber-poster

Split – Riflessione sulla follia della mente umana o la nascita di un supercriminale?

split_posterOggi ho visto Split di Shyamalan. E’ un bel film, mi è piaciuto.
Tornando a casa pensavo a quello che dovevo scrivere ma più ci pensavo più mi venivano in mente cose e chiavi di letture diverse, per cui provo a mettere un pò di ordine tra i pensieri. Split è il secondo film nato dalla collaborazione col produttore Jason Blum, specializzato nella produzione di film a basso budget, per questo il risultato è ancora più sorprendente: è una pellicola molto ben realizzata, con uno stile ben definito e asciutto per tutta la sua durata, nonostante la recitazione di James McAvoy che a volte potrebbe sembrare troppo enfatizzata. Molto misurata invece la stupefacente Anya Taylor-Joy che riesce a dar vita alla sofferta figura di Casey con navigata sicurezza.

Già dalla locandina si intuisce di cosa si tratta: il protagonista, Kevin soffre di un disturbo dissociativo delle identità, si contano 23 personalità differenti, di cui soltanto 9 appariranno nel film. La psichiatra che lo ha in cura è convinta che il suo pazienta possa rappresentare un passo avanti nell’evoluzione e che attraverso il suo studio si potrebbe capire come raggiungere alcune potenzialità del cervello. Le diverse personalità presenti nel suo paziente, infatti, son capaci di modificare addirittura il corpo, alcune soffrono di malattie, allergie, disturbi che le altre non presentano.
Una di queste personalità rapisce tre ragazze in un parcheggio che si risvegliano, dopo essere state narcotizzate, rinchiuse in un sotterraneo, cibo speciale per la bestia che deve arrivare.
Il film ha uno sviluppo lineare e coerente, il tema delle personalità multiple non viene affrontato con spiegazioni noiose, ma la storia si viene dipanando con l’avanzamento della narrazione. Poco a poco si vanno aggiungendo strati di conoscenza fino a comporre il quadro generale: la storia di Kevin, oggetto di molestie da piccolo, corre su un binario parallelo a quella di Casey, la ragazza rapita, che attraverso l’elaborazione del suo stato ci fa conoscere i particolari della sua infanzia. E arriviamo così a comporre tutte le personalità di Kevin solo per scoprire che è in arrivo la 24esima, la più pericolosa e la più potente. La bestia, come viene chiamata l’ultima personalità, ci viene annunciata a metà film, non si manifesta quindi con un colpo a sorpresa, segno che Shyamalan non vuole far del film un horror con vere scene di spavento, ma preparandone pian piano l’arrivo ci rende l’assurdo come realistico e possibile. L’elemento soprannaturale in fondo c’è in tutti i suoi film, ma qui viene quasi normalizzato.
Anche il twist finale, il colpo a sorpresa caratteristico del suo cinema, che deve sorprendere e spiazzare lo spettatore, qui manca. Shyamalan affronta un plot più tradizionale senza ricorrere a questo stratagemma, senza ribaltare la storia a un certo punto. Forse.
Dico forse perchè il finale si presta a una lettura differente. La scena finale è ambientata in un bar mentre scorrono in tv le notizie della fuga di Kevin, prontamente soprannominato l’Orda per via delle molte personalità. Tre donne discutono di un caso simile risalente a 15 anni fa, qualcuno sulla sedia a rotelle di cui non si ricordano il nome. Dietro di loro appare la figura di Bruce Willis che suggerisce: “L’uomo di vetro“.
Bruce sta interpretando David Dunn, il protagonista di Unbreakable (il predestinato) che fa riferimento alla sua nemesi interpretata da Samuel L. Jackson nello stesso film.
Questa fine inaspettata pone diversi interrogativi e ipotesi. Sappiamo che Shyamalan intendeva produrre un sequel di Unbreakable che avrebbe dovuto chiamarsi Night Chronicles per cui possiamo immaginare che il regista abbia gettato le basi per un sequel in cui a David sarà dato il compito di fermare l’Orda.
Ma in questa maniera il finale potrebbe portare anche a una rilettura di tutto il film, facendolo diventare, da thriller psicologico a sfondo horror, un film supereroistico, in cui la malattia mentale di Kevin non sarebbe intesa come una riflessione sul controverso disturbo dissociativo della personalità ma come origine di un criminale con superpoteri, sulla falsariga di Legion, caracter degli Xmen dotato anche esso di personalità multiple e che avrà il suo show su FX a partire dal prossimo febbraio.