Suspiria, non chiamatelo remake!

Abbiamo diverse volte parlato del nuovo Suspiria di Luca Guadagnino, remake del film omonimo di Dario Argento.
In una recente conversazione con Allocine il regista però avrebbe invitato tutti a non chiamarlo remake.
È ispirato dalla stessa storia, ma va in direzioni diverse, esplora altri motivi. E’ semantica, certo, ma credo che la gente deve veramente capire che questo non è un remake, perché la parola” remake “dà l’impressione che vogliamo cancellare l’originale mentre  quello che abbiamo cercato di fare è l’opposto“.
Per quanto riguarda l’uscita del film, in una intervista a Criterion, il regista dice di avere ancora tre mesi di lavoro.
È un film molto speciale, e sono orgoglioso di questo. Mi domando tutto il tempo come le persone reagiranno, essendo basato su un capolavoro. Mi trovo spesso nella posizione di dire ‘Oh, è ridicolo!’ quando sento le storie che vogliono rifare un film come 8½, quindi non so se sto andando a servire lo stesso piatto. Ma posso dire che la mia Suspiria è un film molto personale; è come l’ossigeno per me. Quando ho visto il film originale trentadue anni fa, l’emozione che ho provato è stata così forte, così straordinaria e così importante per la mia educazione. Volevo indagare sull’esperienza che ho avuto guardando quel film “.

Il film è diretto da Luca Guadagnino su un adattamento dell’originale di David Kajganich. Amazon Studios ha acquisito i diritti di distribuzione in tutto il mondo e finanzia la produzione.

suspiria_poster

Annunci

Dylan Minnette da 13 a The Open House

Dylan-Minnette

Variety ci fa sapere che la stella della serie originale Netflix13 Reasons Why“, Dylan Minnette, sarà protagonista del film “The Open House“.
Scritto e diretto da Matt Angel e Suzanne Coote, The Open House, si concentra su un adolescente (Minnette) e sua madre (Piercey Dalton), che si ritrovano assediati e minacciati da forze spaventose quando si trasferiscono nella nuova casa.
Il film sarà pubblicato su Netflix all’inizio del prossimo anno, il 19 gennaio 2018

Vigalondo e Kirkman insieme per The Comeback

Sony ha assunto il regista Nacho Vigalondo (Colossal) per il thriller “The Comeback“, prodotto da Robert Kirkman (The Walking Dead) e Skybound.
Vigalondo scriverà e dirigerà la pellicola tratta da un fumetto di Image Comics, The Comeback, scritto da Ed Brisson e illustrato da Michael Walsh.
La storia è incentrata su due operatori di una impresa illegale che aiuta a salvare i propri cari prima di morire tornando indietro nel tempo.
Quando uno di loro incontra una futura versione di se, si trovano inseguiti dall’FBI e dai loro datori di lavoro che vogliono ucciderli per proteggere i propri oscuri segreti.

La Ottava stagione di The Walking Dead non decolla

Siamo alla terza settimana di The Walking Dead, la serie dei record, ma secondo le classifiche di Nielsen gli ascolti sono in calo.
L’episodio 3 dell’ottava stagione ha registrato una media di 3.8 di rating tra gli adulti compresi tra i 18 e i 49 anni.
E’ diminuito di circa il 5% rispetto ai 4.0 del secondo episodio così come anche gli spettatori che scendono a 8.5 milioni rispetto agli 8.9 del secondo episodio.
La serie ha avuto una premier, che coincideva anche con la 100esima puntata dello show, con uno degli ascolti più bassi della sua storia e l’episodio 2 ha visto un calo di circa il 20%.
Nonostante tutto, The Walking Dead rimane la trasmissione via cavo più vista di domenica sera e rimane il primo show televisivo superando This Is Us di NBC, The Big Bang Theroy di CBS, Grey’s Anatomy e The Good Doctor di ABC e Empire di FOX.

Twin Peaks: arriva il Dossier Finale!

Il 5 dicembre arriva in Italia l’ultima opera di Mark Frost, “Twin Peaks – The Final Dossier“. Il libro mette la parola fine al caso Laura Palmer, alle indagini della Rosa Blu e a ogni evento mostrato nelle tre stagioni di Twin Peaks. E’ il seguito di “The Secret History of Twin Peaks” uscito all’inizio di quest’anno ed è presentato con una narrazione tradizionale rispetto al primo libro che era una raccolta di documenti. Il libro si propone di dare tutte le risposte che Lynch non ha fornito all’interno della serie, risolvendo in maniera definitiva tutti i misteri che ancora potevano esserci. Se una nuova stagione si farà, credo che sarà completamente diversa da quelle che abbiamo visto.
Dimenticavo: il libro va letto solo dopo aver visto la terza stagione!

78/52 sbarca in UK

Poche scene nella storia del cinema sono diventate celebri come quella della doccia in Psycho di Alfred Hitchcock e meno ancora ricevono l’onore di ispirare un documentario come 78/52 di Alexandre O. Philippe. Il titolo del documentario fa riferimento proprio alle 78 inquadrature e 52 tagli necessari a confezionare La Scena che diventerà la pietra miliare del cinema horror.
Nella nuova clip uscita in questi giorni, gente del calibro di Guillermo del Toro e Mick Garris discutono dell’importanza di quella scena e come abbia cambiato il mondo del cinema e continui a influenzarlo ancora oggi.
Il film è già uscito negli USA, il 3 novembre sbarcherà nei cinema britannici.
La speranza di vederlo in Italia non è morta.

 

Il prossimo dicembre sarà l’alba dei morti

dawning-of-the-dead-13

Pare proprio che la fine dell’anno sarà devastata da un’altra epidemia zombi: è in arrivo Dawning of the Dead dei registi Tony Jopia, Nika Braun, Yannis Zafeiriou e Alexander Zwart.
Mentre un virus provoca il risveglio dei morti mettendo il mondo in ginocchio, lo scenziato responsabile affida le sue scoperte a Katya Nevin, una corrispondente di guerra divenuta presentatrice sulla rete WWNews. Mentre Katya e il suo equipaggio testimoniano il crollo della società attraverso i feed provenienti da tutto il mondo, un letale agente speciale si arrampica sull’edificio con l’unico obiettivo di assicurare il suo silenzio.
Armata solo di informazioni e della volontà indomabile di vivere, Katya deve superare la sua ansia paralizzante e imparare per uscire viva dallo studio verso un mondo nuovo in cui sopravvivono solo i morti.
Tra gli attori Honey Holmes, Leo Gregory, Pixie Le Knot e Sean Cronin. Uscira la versione digitale il 5 dicembre e il DVD il 6 marzo 2018

Killer Joe potrebbe diventare una serie TV

KillerJoe_2010.12.13_Day23of28_MG_8655.jpg

Pare che il mostro sacro William Friedkin sia al lavoro con l’intenzione di sviluppare una serie tv, spinoff del suo film Killer Joe del 2011.
Indiewire racconta che il regista sta trattando col produttore Bobby Maresco (Million Dollar Baby) per dare alla luce la serie che non ha ancora un attore principale.
Killer Joe è il film che ha permesso al protagonista Matthew McCounaghey di dare nuovo smalto alla sua carriera verso un nuovo e interessante percorso.
Interpreta un poliziotto che uccide su commissione e che viene assoldato da una famiglia di Dallas, Texas, per uccidere una donna, moglie e madre, scappata con un altro uomo. La morte della donna permetterà di intascare una sostanziosa polizza di 50.000 dollari che la donna aveva assicurato sulla propria vita. Chiaramente nulla va per il verso giusto e una scia di sangue porterà a un grottesco epilogo. La pellicola ci accompagna in un viaggio allucinante in una America violenta e spietata, dominata dal caos.
William Friedkin, soprannominato “il regista del Male” ha firmato opere indimenticabili e vere pietre miliari nella storia del cinema, come “Il braccio violento della legge” (The French Connection) che gli valse 5 premi Oscar e “L’Esorcista” che ne vinse 2. Senza dimenticare “Vivere e morire a Los Angeles” e “The Hunted – La preda”

Trailer di debutto per Blood Harvest

bloody harvest - pic1

L’horror dell’Irlanda del Nord “Blood Harvest” si mostra in un primo trailer. La pellicola diretta da George Clarke parla di un villaggio rurale terrorizzato da una forza maligna che succhia il sangue dalle sue vittime. Un detective screditato, pensa che le uccisioni siano opera di vampiri, insieme al suo ex partner dovrà scoprire la verità.
Nel cast Robert Render, Alan M. Crawford, Jean Paul Van Der Velde, Griffin Madill, Rachael Stewart e Matt McCreary.
Uscirà il 21 Novembre

In verità a me non sembra gran che.  E a voi?

Sylvia Hoeks potrebbe entrare nel cast di The Girl in the Spider’s Web

sylvia-hoeks

Sappiamo già da tempo che il regista di “Don’t Breathe” (aka Man in the Dark) Fede Alvarez, sta lavorando alla trasposizione cinematografica delle avventure di Lisbeth Salander e precisamente del romanzo The Girl in the Spider’s Web di David Lagercrantz, che prende il testimone da Stieg Larsson.
Variety riferisce che l’attrice Sylvia Hoeks, vista in Blade Runner 2049, potrebbe entrare a far parte del cast. La Hoeks dovrebbe impersonare la gemella cattiva di Lisbeth..
Il film dovrebbe vedere la luce ad ottobre 2018