News

Se la prima parte dell’anno è stata avara di titoli horror, la seconda pare promettere meglio. Abbiamo già visto qualche pellicola capace di farci sobbalzare dalla sedia, penso a Lights Out – Terrore nel buio, uscito nelle sale italiane ad agosto, con scene terrorizzanti come da anni non se ne vedevano; o The Shallows (Paradise Beach – Dentro l’incubo) sul genere uomo contro natura ma con un uso potente delle immagini a creare uno stato di tensione per tutta la durata del film. Nei prossimi mesi sono attese le uscite di diverse pellicole.

under-the-shadow-posterUn film di cui di dice un gran bene è Under The Shadow, diretto dall’iraniano Babak Anvari e ambientato a Teheran alla fine degli anni ’80. Il film, prodotto dalla britannica Wigwan Film è una coproduzione tra Quatar, Giordania e UK. E’ stato presentato al Sundance Film Festival 2016 ed è stato elogiato da Indewire e da The Hollywood Reporter, il 9 luglio 2016 ha ricevuto il premio di miglior film al Neuchatel International Fantastic Film Festival.

Il film racconta la lotta di una madre e figlia contro un male misterioso che tormenta la loro casa, in una Teheran nel caos della guerra Iran-Iraq.

the-eyes-of-my-mother-posterAltro film interessante, presentato insieme a Under The Shadow al Festival di Phoenix è The Eyes of My Mother, descritto come uno dei migliori horror degli ultimi anni. Girato in un bianco e nero che offusca il gore senza però diminuire l’impatto della violenza e della morbosità, racconta di una giovane donna sola e consumata dai suoi desideri più profondi e oscuri dopo la tragedia che colpisce la sua tranquilla vita di campagna. Dirige l’esordiente Nicolas Pesce.

Annunci

Howl

howl-posterPaul Hyett, al suo secondo lungometraggio dopo The seasoning house e dopo una carriera ventennale negli effetti speciali, cerca di svecchiare il genere licantropo utilizzando i soliti meccanismi dei films di assedio.
Il treno che porta i viaggiatori fuori Londra si blocca in mezzo alla foresta; non è un incidente ma una trappola dei lupi mannari.
In pratica il film descrive il comportamento del gruppo di varia umanità, intrappolato nel treno in una disperata lotta di sopravvivenza.
Nonostante alcune cadute nel clichè, sembra essere un bel survival con cui passare un’ora e mezza di divertimento.

Morgan

Dovrebbe essere in arrivo l’opera prima di Luke Scott, figlio del più noto Ridley. Si parla abbastanza bene per cui si aspetta impazienti.

Imorgan-postern un laboratorio alcuni scienziati hanno creato una nuova intelligenza artificiale, chiamata Morgan, che viene impiantata nel corpo di una ragazzina. Ma l’essere sembra  non essere molto controllabile, anzi ha una propria volontà, cresce ed evolve arrivando a ribellarsi ai suoi creatori. La ragazzina malefica è interpretata da Anya Taylor Joy, protagonista del recente The Witch mentre la protagonista, chiamata a investigare sugli omicidi commessi al laboratorio, è Kate Mara, già vista in diverse serie tv e films, come The Martian o 127 ore.